PUNTINISMO

Disponendo i bambini in un unico tavolo da lavoro, l’attività inizia con una prima lettura delle immagini che ritraggono alcuni particolari dei dipinti più famosi di Georges Seurat (1859-1891), pittore francese pioniere del movimento puntinista. Per avvicinare i bambini alla comprensione dell’arte è necessario adottare una metodica ludica. Solitamente i bambini si animano di entusiasmo quando mostro loro il particolare della scimmietta che Seurat raffigurò nell’enorme tela Una domenica pomeriggio sull’isola della Grande-Jatte. L’elemento fu studiato dal pittore anche in disegni precedenti alla realizzazione della tela come ci testimonia il bozzetto a fianco e dove la ruvidezza della carta viene utilizzata dal pittore come una vera e propria sorgente luminosa. Per far emergere nei piccoli la voglia di apprendere è necessario parlargli usando una lingua diversa da quella delle parole, preferendo tutto ciò che è inerente all’immagine e all’esplorazione del campo visivo. E’ mediante l’immagine che poniamo le condizioni per avvicinare e sensibilizzare i bambini all’arte. Dopo la lettura percettiva di alcuni dipinti appartenenti al movimento puntinista, ai bambini è stato consegnato un foglio bianco e dei bastoncini di cotton fioc al posto dei classici pennelli. Esprimersi attraverso il segno grafico del punto è stato entusiasmante anche per i più piccoli. Dalla disposizione e dall’applicazione dei punti è emerso, in ognuno di loro, l’unicità di una propria capacità espressiva e l’utilizzo della facoltà immaginativa.

L’attività si pone come obbiettivi i seguenti punti:

  • favorire uno spirito cooperativo tra i bambini
  • esercitare l’attività grafica attraverso il colore
  • identificazione dello stimolo visivo
  • osservare e “raccontare” un’opera d’arte
  • rafforzare la fiducia nelle proprie capacità espressive e sviluppare la creatività
  • Durata

    90′

  • Partecipanti

    Max 23 bambini

  • Età

    2 – 6 anni